Condotta Cosciente

condotta cosciente

Rassegna Stampa

News-Letter

per ricevere la News-Letter del Comitato inserisci:
i dati inseriti verranno utilizzati unicamente per l'invio della News-Letter

Foto Nuotata 2016

nuotata 2016

PXT

portonovo x tutti

Trivelle Zero Marche

Trivelle Zero Marche

Press

2017 07 10 il.r.d.c. nuotata di mezzavalle che festa

 

30 giugno 2017
Buon giorno vi scrivo per condividere con voi, in quanto amanti di una
Mezzavalle libera e incontaminata sinonimo di rispetto della natura,
una riflessione di questo finesettimana.
Siamo in un periodo di siccità.
L'Italia intera, e non solo, sta attraversando un difficile momento di
carenza di acqua.
Le Marche soffrono per i propri campi aridi. In alcuni luoghi l'acqua
è già razionata. Ci sono divieti di annaffiare giardini o di lavare le
macchine per non sprecarla.
Sabato e domenica a Mezzavalle la coda per le docce non si è mai arrestata.
Consapevole che sia impossibile instillare senso civico in chi non ce
l'ha, si potrebbe tuttavia lanciare un messaggio. Magari con un
cartello. Magari passando un po' la voce. Magari con l'esempio.
Perchè non passi l'idea che "libera" significa "faccio come mi pare" e
me ne frego di tutto quello che mi accade intorno.
Grazie, Francesca.
 
Grazie Francesca,
condividiamo in pieno!
avevamo anche proposto al Comune di chiudere del tutto le docce, in quanto superflue e di fatto impattanti sull'ambiente per via della tracimazione fintanto che  le acque grigie finivano nela stessa fossa di quelle nere...ora hanno separato gli scarichi ma in effetti in epoca di siccità se ne potrebbe fare a meno.
Se sei d'accordo pubblichiamo la tua mail (omettendo il tuo indirizzo per garantire l'anonimato)  nella prossima newsletter che sta per uscire.
A presto
Andrea
 
Sì sosteniamo l'idea di Francesca,basta fare un cartello da mettere alle doccie...magari su 10 persone 1 lo recepisce. Cmq è troppo importante come argomento per nn prenderlo in considerazione..
A presto, ciao a tutti
Ale
 

La lettera è di buon senso ed attenzione civica. 
I'idea di pubblicare la lettera è condivisibile, ma se si lascia una doccia per più di mille utenti, le code interminabili le avremo per tutta la stagione. 
Non sprecare l'acqua è una cosa, creare un disservizio o un disagio voluto è un altra. 
Come cittadino preferirei pagare 50 centesimi e autofinanziare le spese. 
50 centesimi *1000 bagnanti*8 giorni al mese =
12 mila euro per soli 3 mesi di stagione.

Con questi soldi, negli anni, si potrebbe anche risistemare bagni, panchine e staccionate senza dover aspettare chi di mezza valle non gliene frega un c...

Ma si può sapere quanto spendono all'anno per quest'acqua e quanta se ne consuma?

Cordiali saluti

Corrado

Mezzavalle, Rubini (SEL-ABC): «Dietro gli spot un fallimento clamoroso»

Mezzavalle, Rubini (SEL-ABC): «Dietro gli spot un fallimento clamoroso»

«Stradello disastrato, passaggio pedonale a monte inesistente, bagni e docce fuori uso sono solo l'iceberg di una situazione più volte denunciata»



«Lontano dai riflettori delle fontane inaugurare e dai proclami per quattro strade asfaltate con i soldi di Longarini, a Mezzavalle si sta consumando l'ennesimo grave fallimento di questa amministrazione comunale. La notizia della chiusura dei bagni , dopo quella già grave delle docce, certifica l'abbandono nel quale questa amministrazione colpevolmente ha lasciato e tutt'ora lascia una delle 10 spiagge più belle d'Italia». Così Francesco Rubini, capogruppo di SEL-Ancona Bene Comune.

«Stradello disastrato- continua- passaggio pedonale a monte inesistente, bagni e docce fuori uso sono solo l'iceberg di una situazione più volte denunciata a gran voce dal comitato Mezzavalle Libera e non solo. Da parte de Comune, apparte l'operazione spot di pulizia straordinaria della spiaggia, solo promesse e tante bugie. L'impressione è che al PD e ai suoi soci, in assenza di qualche privato da tutelare, poco importa di tutelare il più bel bene comune naturale della zona. Non vorremmo che a qualcuno venisse in mente, dopo aver lasciato Mezzavalle nel degrado, di tornare a riproporre il solito stanco ritornello degli stabilimenti balneari. Abbiamo già dato con Portonovo e i risultati fallimentari sono sotto gli occhi di tutti».

 

Sottocategorie

Mail ricevute e risposte

Su questo sito usiamo i cookies. Navigandolo accetti.