Condotta Cosciente

condotta cosciente

Rassegna Stampa

per restare sempre aggiornato iscriviti alla newsletter del Comitato Mezzavalle Libera
I agree with the Terms and conditions and the Privacy policy
i dati raccolti verranno utilizzati esclusivamente per l'invio delle newsletter

Foto Nuotata 2018

Foto Nuotata di Mezzavalle 2018

PXT

portonovo x tutti

Trivelle Zero Marche

Trivelle Zero Marche

MEZZAVALLE DIMENTICATA ED ABBANDONATA DALL’AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI ANCONA

La spiaggia di Mezzavalle, vera perla della baia di Portonovo e considerata una delle più belle spiagge d’Italia, in questi anni è stata progressivamente abbandonata dall’amministrazione comunale di Ancona da sempre più tesa ad occuparsi di Portonovo e delle esigenze degli operatori della baia, ma totalmente assente rispetto alle legittime richieste dei cittadini e del Comitato Mezzavalle Libera.

Il Comitato Mezzavalle Libera, già lo scorso anno, aveva richiesto all’attuale amministrazione comunale di occuparsi di alcune emergenze volte a garantire una sicurezza minima ai frequentatori della spiaggia:

  • Migliorare l’attraversamento pedonale a monte, ormai completamente invisibile agli stessi automobilisti che sfrecciano ad alta velocità per la strada del Conero;

  • Abbattimento di un tronco secco a rischio crollo nella zona dei bagni pubblici;

  • Sistemazione di alcuni pali delle linee elettriche che stanno su alla meno peggio;

  • Sistemazione definitiva delle rotture della condotta dell’acqua pubblica che viene da anni inutilmente sprecata e pagata dall’amministrazione (andrebbe completamente sostituita);

  • Sistemazione delle staccionate del sentiero sud ormai quasi completamente distrutte o assenti e non più sicure per i tanti che hanno il bisogno di tenersi percorrendo il ripido sentiero (andrebbero sostituite);

  • Manutenzione del verde nel sentiero nord (sentiero ufficiale del Parco del  Conero) necessaria a chi lo percorre senza veder bene dove mette i piedi rischiando di cadere di sotto.

Solo pochi interventi "dovuti" per la sicurezza e l’incolumità delle persone e dai costi per nulla proibitivi, molto lontani dai 350.000 € necessari per la sola riapertura della vecchia strada di Portonovo, non considerando le spese di manutenzione annuale di una strada in una zona in frana.

Alcune di queste emergenze sono state anche notificate dai Vigili del Fuoco di Ancona oltre un mese fa, ma nessuno in Comune si è degnato di provvedere, nè di rispondere alle ns. mail.

Non parliamo poi dell’enorme quantità di rifiuti che annualmente il mare riversa in spiaggia (tronchi, polistirolo, plastica, reti……)

Il Comitato Mezzavalle Libera il 26 aprile scorso ha effettuato la pulizia della spiaggia riempiendo oltre 180 sacchi grandi di rifiuti ed un container messo gentilmente a disposizione da Anconambiente, ma l’enorme quantità di legname si trova ancora lì e successive mareggiate hanno già portato altri rifiuti.

Ci sono poi da rimuovere i pericolosissimi tondini di ferro arrugginiti delle demolizioni effettuate dal Comune di Ancona tanti anni fa, che continuamente affiorano scoperti  dall’azione del mare.

Facciamo presente all’amministrazione che la stagione balneare è già cominciata anche a Mezzavalle e non solo a Portonovo, e che il compito di un’amministrazione comunale e dei suoi dirigenti è almeno quello di vigilare affinchè i concessionari che annualmente si aggiudicano i lavori di pulizia e manutenzione della spiaggia li eseguano correttamente.

Claudio Molinelli
Comitato Mezzavalle Libera

albero a rischio crollo albero a rischio crollo palo elettrico puntellato staccionate 

staccionate tondini ferro arruginito 

tondini ferro arruginito

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Navigando questo sito, chiudendo questo banner o cliccando su un link, acconsenti all’utilizzo dei cookies.

Se vuoi saperne di più leggi la Cookie Policy. Accettando l’informativa d’uso in base al Regolamento UE 2016/679 del 27 aprile 2016, noto come GDPR (General Data Protection Regulation), questo banner non ti verrà più mostrato.