Stampa

dall'agosto 2015 siamo in attesa di una risposta...

Da: Molinelli Claudio 
Inviato: giovedì 14 aprile 2016 16:04
A: 'Lucchetti Luciano'
Cc: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.; 'Urbinati Maurizio'; 'Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.'; 'Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.'; 'Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.'
Oggetto: situazione dei bagni a Mezzavalle - forte rischio per la salute pubblica
Priorità: Alta

Egregio Ing. Lucchetti,

l’estate scorsa le avevo evidenziato l’emergenza dei bagni della spiaggia di Mezzavalle ed il problema di emergenza sanitaria derivante da esso, tamponato “alla buona” dal concessionario della spiaggia con la chiusura di uno dei due bagni, delle docce e dell’unica fontanella pubblica a disposizione.

Dato che tra poco più di un mese ripartirà la prossima stagione balneare, vorrei conoscere per tempo quali interventi il Comune di Ancona ha pianificato di eseguire per scongiurare una situazione ancora più grave di quella dello scorso anno e di forte rischio per la salute pubblica.

In attesa di una sua cortese risposta in merito, le invio i più cordiali saluti.

Claudio Molinelli

Comitato Mezzavalle Libera   

Da: Molinelli Claudio 
Inviato: giovedì 13 agosto 2015 12:05
A: 'Lucchetti Luciano'
Cc: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. Urbinati Maurizio; 'Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.'; 'Andrea Fantini'
Oggetto: emergenza situazione dei bagni a Mezzavalle
Priorità: Alta

Egregio Ing. Lucchetti ,

le scrivo per metterla al corrente della grave situazione dei servizi igienici a Mezzavalle che ho potuto vedere ieri con i miei occhi.

Purtroppo nonostante le fosse siano state svuotate nei giorni scorsi dall’attuale concessionario, la dispersione finale a valle delle fosse non è più in grado di drenare nulla e la parte più leggera dei reflui (acque nere) continua a tracimare da  un pozzetto verso la spiaggia. Potete immaginare l’odore di fogna insopportabile di un terreno completamente intriso ed una pozza di liquami che si sta allargando, ad oggi giunta al limite dell’arenile.

Un amico tecnico della Mediterranea Service che si trovava in spiaggia e che il giorno prima aveva effettuato il prelievo dei liquami per conto del concessionario, conoscendo bene gli scarichi dei bagni di Mezzavalle e sentita la persona che si occupa della pulizia degli stessi, mi ha personalmente certificato la gravità del problema.

Si tratta di una vera e propria emergenza sanitaria, che dov’essere subito affrontata sia dal punto di vista emergenziale, sia strutturalmente per gli anni a venire.

Purtroppo in questa estate così torrida la gente utilizza molta acqua e, dato che lo scarico non ha alcuna separazione tra acque chiare ed acque scure, queste si mescolano aumentando l’entità del problema.

Se ci fosse stata una separazione dei due scarichi sarebbe tracimata semplice acqua, piuttosto che acque nere.

Ora il rischio è che per fermare l’emergenza sanitaria il concessionario decida  la chiusura delle docce e dei bagni.

Potete immaginare cosa possa succedere in una spiaggia frequentatissima come questa sotto ferragosto.

Invio in allegato una foto fatta da me ieri con il telefonino.

La prego volersi interessare prontamente di tale emergenza.

Cordialmente

Claudio Molinelli

Comitato Mezzavalle Libera   

lettera protocollata in Comune il 22 aprile 2016

20160423 123654

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Navigando questo sito, chiudendo questo banner o cliccando su un link, acconsenti all’utilizzo dei cookies.

Se vuoi saperne di più leggi la Cookie Policy. Accettando l’informativa d’uso in base al Regolamento UE 2016/679 del 27 aprile 2016, noto come GDPR (General Data Protection Regulation), questo banner non ti verrà più mostrato.